Immagine
 Header... di Admin
 
"
Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page Blog : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 29/08/2012 @ 14:51:03, in Medicina tibetana, linkato 3004 volte)


Il Ku Nye origina dagli antichi regni esistiti in Tibet più di 3900 anni fa ed è una pratica indigena appartenente alla Tradizione Medica Tibetana. In tempi antichi i Tibetani praticavano il Ku Nye utilizzando la diagnosi e l’applicazione d’oli specifici o di sostanze estratte dal burro per trattare gli squilibri o la costituzione delle persone utilizzando rametti d’albero, bacchette e pietre e, come parte integrante della terapia, esercitavano pressioni su differenti parti e punti del corpo per ristabilire lo stato di salute e di benessere dell’individuo.

Letteralmente, Ku significa ‘applicare’ o ‘ungere’ il corpo con oli terapeutici che devono essere assorbiti dall’epidermide e Nye si riferisce, invece, al massaggio vero e proprio. Le tecniche di massaggio Nye includono svariate tecniche di impastamento, sfregamento e pressioni su tutti i muscoli e i tendini e digito pressioni su punti specifici e sui canali. Il Chi (tib. Phyis) é la fase conclusiva della terapia esterna Ku Nye, vale a dire la rimozione dell’olio da corpo con la farina di orzo o di ceci. Possono essere aggiunti altri ingredienti alla farina di base in funzione delle condizioni diagnosticate. Un altro nome comune del Ku Nye é Chukpa (Tib. Byugpa).

Il sistema Medico Tradizionale Tibetano é molto dettagliato e completo e si pone due obiettivi principali: la prevenzione e la cura delle malattie. Le terapie utilizzate per raggiungere i due obiettivi possono essere generalmente suddivise in quattro categorie di base:

Dieta terapeutica
Modificazioni delle abitudini di vita scorrette
Utilizzo di erbe medicinali
Applicazione di Terapie Esterne
Il Ku Nye é appartiene alla quarta categoria, essendo una delle molteplici terapie esterne disponibili nella Medicina Tradizionale Tibetana, usate per mantenere o per ristabilire l’equilibrio nell’organismo. Le altre terapie esterne includono svariati tipi di moxibustione, la terapia con il bastoncino, la coppettazione, l’agopuntura, il salasso, la balneoterapia, i massaggi con pietre e conchiglie, e l’utilizzo di compresse calde o fredde.

Gli effetti benefici e le funzioni di ringiovanimento e di riequilibrio del Ku Nye sono menzionate e descritte in numerosi testi originali Tibetani, nel “Bum Shi”, nei “Gyud Shi” (I Quattro Tantra della Medicina Tibetana, in tutti i loro commentari e nei testi antichi medici ritrovati nella grotta di Ton Huang. Ulteriori benefici del Ku Nye sono l’eliminazione delle tossine immagazzinate nel corpo, l’incremento della vitalità, la riduzione e l’alleviamento di vari tipi di dolori e sindromi dolorose ed il lenimento di disordini nervosi come l’insonnia, la depressione e l’ansietà.

italia@iattm.net
cell 346 51 63 300
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 23/08/2012 @ 16:34:46, in Medicina complementare, linkato 3077 volte)
Embrione

Forse la parola “completamento” la sto utilizzando in maniera sbagliata, sono convinto però che il processo della nascita instauri all’interno del nostro sistema una procedura che deve essere rispettata se vogliamo poi avere un processo di nascita e di crescita armonica. Il feto decide di nascere quando vuole lui, quando si sente pronto, quando ha fatto un check up totale di tutte le sue parti e decide che è arrivato il momento giusto per nascere.

Forse effettivamente questa è una mia visione romantica del momento appena prima del parto, ma la immagino così….il feto che in qualche modo faccia l’inventario  di tutte le sue parti del corpo, di tutte le strutture anatomiche anche la più piccola che ha costruito e fatto crescere durante le fasi della gestazione e, ricevuto l’ok da tutte queste parti, decida che è arrivato il momento giusto per  nascere.
Sono quindi a favore del parto cesareo solo in caso ci possano essere ragionevoli stati di allarme per la salute della madre e del bimbo.
Sostanzialmente vi sono due problemi fondamentali nel parto cesareo. Il primo è  la veloce decompressione subita dal bimbo con un parto veloce e non naturale, non vi è nessun tipo di compensazione e questo processo può essere paragonato alla risalita di un subacqueo senza passare per gli stadi di decompressione. La pancia della mamma ha un ambiente a pressione costante ed è una pressione maggiore della pressione esterna per cui una decompressione così veloce può provocare lo stiramento della membrane cerebrali all’interno della testa del bimbo dal momento che le ossa craniche nel feto sono fatte in modo per cui alla nascita possano muoversi ed abbiano un gioco per poter ridurre il diametro della testa durante il parto. Quindi la testa del bimbo avrà una dilatazione passando da un ambiente a pressione maggiore verso un ambiente a pressione minore.
Il secondo problema che  risulta dal non passaggio attraverso il canale del parto è una non mobilizzazione di tutte le vertebre della colonna per poter uscire. Questa è una affermazione che scaturisce dalle mie conoscenze osteopatiche…per cui potrebbe essere confutata dalla medicina allopatica, ritengo però che sia naturale pensare ad una cosa del genere vedendo il tortuoso passaggio che il feto deve percorrere per dare vita a ciò che viene chiamata nascita.
Vi è inoltre il risvolto emotivo che potrebbe successivamente produrre delle disfunzioni durante lo sviluppo per il bimbo e nel post parto per la madre. Sarebbe inoltre interessante  analizzare l’accettazione della madre e del bimbo uno con l’altro, un ancestrale riconoscimento come “self” ovvero parte di un unico corpo fino a poco prima dell’ atto della nascita.
Questo articolo lo dedico ad una mia cara amica. Roberta, ti sto pensando molto in questi giorni e se tu lo vorrai sarò a tua completa disposizione per cercare di aiutarti a superare i brutti momenti passati.

di Giovanni Ferrari
tel: 3498016351
mi sono diplomato alla FIRP ( federazione reflessologia plantare), ho frequentato l'upledger institute per il craniosacrale e sono iscritto alla scuola di osteopatia SIFO di desenzano sul garda.
vivo e lavoro a Bassano del Grappa,
la mia pagina professionale su face book è giovanni ferrari medicina complementare ed il link è www.facebook.com/fgcomplemed
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 14/08/2012 @ 13:06:27, in QiGong, linkato 3499 volte)


Il Lian Gong Shi Ba Fa o il Lian Gong delle 18 Forme é un sistema completo di esercizi medici cinesi. Si tratta di un insieme di esercizi di stretching, respirazione e auto-massaggio per prevenire ed alleviare lo stress e dolori acuti al collo, spalle, schiena, fianchi, gambe, articolazioni e tessuti connettivi.


Anche se relativamente recenti (sono diventati popolari solo circa 40 anni fa), si basano su antichi esercizi cinesi risalenti a oltre 1000 anni fa, tra cui i ben noti Otto Broccati. Dalla loro introduzione circa 40 anni fa, si sono diffusi rapidamente dalla Cina ad altri paesi (in particolare in Giappone e Brasile), e vengono praticati da milioni di persone.  Sono abbastanza facili da imparare e praticare ed il tempo necessario per eseguire gli esercizi dipende dal numero di ripetizioni, ma può essere anche di soli 15 minuti.

Il Lian Gong Shi Ba Fa è stato sviluppato dal dottor Zhuang Yuan Ming, che è un medico tradizionale cinese e uno studente del famoso maestro di Kung Fu, Wang Zhiping. Da centinaia di anni, è noto che molti esercizi delle arti marziali cinesi sono utili per la salute e possono alleviare il dolore e risolvere altri disturbi. Tuttavia non c'erano studi clinici per valutarne l'efficacia medica in condizioni controllate. Usando la sua esperienza di medico di medicina cinese e di praticante di arti marziali, a partire dal 1974 il dottor Zhuang iniziò a condurre una serie di studi clinici in un ospedale di Shanghai su pazienti con una varietà di condizioni legate allo stress e determinò  l'efficacia di questi esercizi e se e in che modo potevano essere migliorati. Egli mantenne un rapporto dettagliato di cosa funzionava e cosa no ed introdusse una serie di modifiche agli esercizi tradizionali. Iniziò solo, ma nel giro di un paio di anni, il Dr. Zhuang fu seguito da molti altri medici e ospedali in questo progetto.

Nel 1983, il dottor Zhuang e i suoi collaboratori condussero una serie di studi clinici sufficienti a concludere che Lian Gong Shi Ba Fa è un insieme efficace di esercizi che possono aiutare a prevenire e alleviare lo stress e dolori acuti al collo, spalle, schiena , fianchi, gambe, articolazioni e tessuti connettivi. A seconda del tipo di disturbi, a volte questi esercizi possono essere combinati con altri trattamenti come agopuntura, massaggio e erbe cinesi per aumentare la loro efficacia.

Ma qual è la base di Lian Gong Shi Ba Fa? Sappiamo che la terapia del massaggio può aiutare ad alleviare stress e dolori vari. Sappiamo anche che spesso queste tensioni e dolori sarebbero tornati qualche tempo dopo il trattamento, e quindi si sarebbe dovuto ripetere più volte. Il dottor Zhuang si rese conto che forse si poteva sviluppare un movimento basato su massaggi , dove i vari movimenti corporei dei pazienti sono essenzialmente di auto-massaggio. Praticando questi esercizi regolarmente, il paziente essenzialmente esegue un auto-massaggio e non ha bisogno di essere utleriormente trattato da specialisti. Pertanto Lian Gong Shi Ba Fa può essere pensato come un sistema di movimenti di auto-massaggio o "massaggio in movimento"

Per approfondire:

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Link sponsorizzati:
< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
Link sponsorizzati:


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!




13/12/2018 @ 18:33:34
script eseguito in 23 ms